Comunicato Stampa – TTIP: se lo conosci, lo eviti

Monica Di Sisto_Foto
Venerdì 24 ottobre a Siena, ore 17.30 a Palazzo Patrizi in Via di Città 75, e a Poggibonsi, ore 21.00 Circolo Arci Blue Train, Via Vallepiatta 18, due iniziative pubbliche per far uscire dal muro di silenzio qualcosa che a breve riguarderà la vita di ciascuno/a di noi: il Trattato di libero scambio tra Unione Europea e Stati Uniti d’America (TTIP), di cui si è occupata recentemente anche la trasmissione Report. Le due iniziative sono promosse e organizzate da: Comitato Senese L’Altra Europa, Comitato L’Altra Europa Valdelsa, il Comitato Senese Acqua Bene Comune ed il Comitato Attac Chianti Valdelsa.

Interverrà Monica Di Sisto, vicepresidente di Fairwatch, docente di Modelli di Sviluppo Economico e portavoce della campagna Stop TTIP Italia.

Continua a leggere »

Annunci

Incontro con Monica di Sisto su TTIP

Si terranno venerdì 24 due incontri a Siena e a Poggibonsi sul tema del TTIP recentemente al centro anche di una puntata della trasmissione Report.

Interverrà Monica Di Sisto, vicepresidente di Fairwatch, docente di Modelli di Sviluppo Economico e portavoce della campagna Stop TTIP Italia.

Gli appuntamenti con Monica di Sisto:

ore 17.30 Siena Sala di Palazzo Patrizi
via di Città, 75
ore 21 Poggibonsi Circolo Blue Train
Via Vallepiatta, 18

Continua a leggere »

Una scuola per tutte e per tutti contro la privatizzazione dell’istruzione

Invito al dibattito sulls Scuola Pubblica organizzato dalla Federazione Provinciale di SEL.
All’incontro parteciperanno: Maria Chiara Acciarini, Lorenzo Micheli e Luca Cubattoli

Oltre a non condividere e contrastare i finanziamenti alle scuole private, vorremmo che la nostra scuola pubblica diventasse un punto di incontro delle diverse culture presenti nel nostro paese.
Una specie di “piazza pubblica” dove i nostri studenti di qualsiasi estrazione sociale, razziale, religiosa e culturale, si potessero formare e scambiare le proprie idee liberamente.

Continua a leggere »

25 ottobre – L’Altra Europa a fianco della CGIL

Il 25 ottobre l’Altra Europa scende in piazza al fianco della CGIL

Opporsi al JobsAct significa riaffermare i principi democratici scritti nella nostra Costituzione, stare dalla parte del lavoro su cui è fondata la nostra repubblica, difendere e promuovere i diritti di tutte e di tutti.La CGIL scende in piazza il 25 ottobre per riaffermare questi principi e noi saremo al fianco dei lavoratori e delle cittadine e cittadini che non accettano la deriva antidemocratica, liberista e repressiva del governo Renzi e dell’Europa della Trojka.

È LA CAUSA GIUSTA,
È LA CAUSA DI TUTTE E TUTTI.

Il 25 ottobre portiamo in piazza le nostre ragioni!

Prenota subito l’autobus per la manifestazione del 25 ottobre »

Comunicato della lista L’Altra Europa sulla legge elettorale regionale

Il coordinamento toscano della lista l’Altra Europa denuncia i gravi elementi di incostituzionalità della legge elettorale regionale approvata a maggioranza* l’11 settembre scorso e ne chiede la radicale modifica.

In pratica il testo imposto principalmente dalla maggioranza PD-Forza Italia, che ricalca quella nazionale sui temi istituzionali, presenta una serie di aspetti che possono distorcere e addirittura capovolgere la volontà degli elettori: un ‘premio di maggioranza’ (relativa) altissimo, l’obbligo di ballottaggio se nessun candidato presidente supera al primo turno il 40% dei voti validi, la presenza di tre diversi tipi di ‘soglia’ per accedere al Consiglio e altri elementi che violano il principio di uguaglianza fra le candidature e perfino la ragionevolezza.

Continua a leggere »

Rottama Italia – un libro collettivo sullo Sblocca Italia

Lettera di Tomaso Montanari per pubblicizzare il libro Rottama Italia che potete trovare qui

Rottama Italia«No, non si può sempre stare a guardare», dice il tenente Innocenzi (Alberto Sordi) di Tutti a casa di Comencini: e lo dice reagendo all’8 settembre del 1943, data fatale del «disfacimento dello Stato» (Emilio Gentile). Ogni generazione è chiamata a reagire ad un suo 8 settembre: il nostro si chiama Sblocca Italia. Tra le tante ‘riforme’ presentate dal governo Renzi-Berlusconi questa appare la più feroce, la più immediatamente distruttiva, la più regressiva. Pur di costruire, favorire la speculazione, oliare il binario degli interessi privati, il decreto di Maurizio Lupi che sta per arrivare in discussione alla Camera si propone di scardinare un intero sistema di tutele non dell’inerzia, ma della salute dei cittadini e di quella del territorio e del paesaggio. La parola d’ordine è deregulation: bomba libera tutti per il cemento. E per la corruzione: sottoprodotto inevitabile (ma forse nn imprevisto) di questa norma, come ha notato la Banca d’Italia. Il sistema Expo esteso all’Italia intera, insomma.

Continua a leggere »

Scheda tecnica su Riforma Fornero e Jobs Act

Contributo di Leonardo Zattoni sugli aspetti della Riforma Fornero e il Jobs Act

Fase 1: Dal contesto creato dallo Statuto dei Lavoratori alla Riforma Fornero

La riforma Fornero del 2012 ha ridotto l’estensione dell’Art. 18, eliminando la reintegrazione nel caso in cui si sia dimostrata l’illegittimità del licenziamento per giustificato motivo oggettivo ( il cosiddetto licenziamento economico, derivato dalla decisione del datore di lavoro di dichiarare fallimento o di chiudere/esternalizzare determinati rami d’azienda ). Ha inoltre limitato la reintegrazione nel caso di illegittimità del licenziamento per giustificato motivo soggettivo ( il cosiddetto licenziamento disciplinare, determinato da qualche inadempienza contrattuale del lavoratore ). Nella maggior parte dei casi ha inoltre ridotto l’entità del risarcimento economico che un lavoratore ingiustamente licenziato può richiedere al proprio datore di lavoro.

Continua a leggere »

Qualche buon motivo per fermare il TTIP

Qualche buon motivo per aderire alla giornata internazionale Stop TTIP, partecipando ad esempio alla mobilitazione fiorentina di sabato 11 ottobre (ore 15.30 Ponte Santa Trinita)
a cura di Elena Michelagnoli – GASFISUD/Oltrarno

Sicurezza alimentare: le norme europee su pesticidi, Ogm, carne agli ormoni e più in generale sulla qualità degli alimenti, più restrittive di quelle americane e internazionali, potrebbero essere condannate come barriere commerciali illegali

Acqua ed energia: sono settori a rischio privatizzazione. Tutte quelle comunità che si dovessero opporre potrebbero essere accusate di distorsione del mercato

Servizi pubblici: il TTIP limiterebbe il potere degli Stati nell’organizzare i servizi pubblici come la sanità , i trasporti, l’istruzione, i servizi idrici, educativi e metterebbe a rischio l’accesso per tutti a tali servizi a vantaggio di una privatizzazione che rischia di escludere i meno privilegiati

Continua a leggere »

La Causa Giusta – manifestazione del 29 novembre a Roma

INVITO ALL’INCONTRO E ALLA DISCUSSIONE PER PROMUOVERE UNA GRANDE MANIFESTAZIONE UNITARIA DI LOTTA

LA CAUSA GIUSTA

NO ALLA TROIKA: RENZI, JUNCKER, DRAGHI.

IN PIAZZA L’ALTRA EUROPA!

PER I DIRITTI, IL LAVORO, IL REDDITO, LA DEMOCRAZIA.

PER L’AMBIENTE, I BENI COMUNI, LA PACE.

il 29 novembre a Roma

 

L’Italia è nel semestre di presidenza dell’Unione Europea

Risultato: le condizioni di tutti e tutte peggiorano

Continua a leggere »