Riunione comitato valdelsa – 29 gennaio

E’ convocata per stasera la riunione del Comitato Valdelsa Altra Europa dalle ore 21 presso la sede di Sel a Colle di Val d’Elsa in via di Spugna.
Quello che segue è il contributo di Massimo Garritano allo sviluppo dell’assemblea.

Stasera vorrei partire dall’accelerazione di queste ultime settimane. Credo che la campagna elettorale greca e la vittoria di Syriza abbiano confermato le ragioni di una lotta coerente e conseguente contro le logiche con cui la cosiddetta Trojka conduce le politiche economiche in Europa (dunque anche quelle sociali).

“Prima le persone” non era solo uno slogan elettorale. E’ una scelta politica concreta fissata nel programma di governo di Syriza.

Questo successo, oltre a rappresentare legittimo motivo d’orgoglio per chi ha sostenuto fin dal primo momento quell’esperienza, sin da quando ci veniva continuamente chiesto “Tsipras chi?”, deve essere una ulteriore spinta verso un orizzonte comune per una sinistra (o fronte sociale o coalizione civile come dir si voglia) che sostenga la Grecia, sostenendo in Italia e in Europa la richiesta di un cambio di paradigma complessivo delle politiche europee, che non si limiti a pietire micro percentuali di maggiore flessibilità nelle regole, ma si impegni a cambiarle, per un’Europa federata e democratica, che persegua altri obiettivi incentrati sulla solidarietà e sulla riduzione delle diseguaglianze, attraverso la redistribuzione della ricchezza e la lotta contro la finanza speculativa, per nuovi modelli economici e di relazioni internazionali.

Continua a leggere »

Verso lo sciopero generale del 12 dicembre – Contributo di Riccardo

Contributo di Riccardo Putti al dibattito sul futuro della Lista Altra Europa con Tsipras e sullo sciopero generale del 12 dicembre.

Mentre noi stiamo litigando per il solito vizio del saperla lunga la destra rozza e indecente con quattro parole sgangherate ma con la sempre efficacia tecnica di essere presente nelle piazze anche quelle più disperate, incassa consensi.

Il PD renziano intanto si imbelletta di sinistrismo (vedi foto di Rossi con i rom) e cerca di farsi passare come l’argine alle barbarie.

Sarebbe ora invece di riprendere il discorso interrotto dopo il risicato se pur positivo exploit del 4%.

Inutile dissertare sui massimi sistemi, occorrerebbe piuttosto un sano e semplice ricorso alle pratiche di convivenza politica basate su un po’ di fiducia reciproca; non ingenuo collettivismo ma ponderata e cosciente volontà di inclusione. Partendo dalla convinzione che se pur con punti di vista diversi stiamo tutti cercando di concorrere alla rinascita di una sinistra/sinistra in grado di disegnare un orizzonte sociale che veda protagoniste quelle che una volta avremmo chiamato le classi subalterne con i loro bisogni e con i, non meno importanti, loro desideri. Insomma una sinistra che sappia declinare non soltanto i diritti sociali ma anche quelli civili.

Continua a leggere »

18 novembre – Parliamo di Sinistra

Come giustamente ci ricorda Luciano Li Causi con un messaggio sulla pagina facebook del Comitato:
Luciano Li Causi
“Questa sera, alle ore 21.00, presso la sede de ‘L’Altra Europa’, Via Aretina 61, Siena, si terrà l’incontro tra militanti, simpatizzanti elettori ed elettrici di SEL, L’Altra Europa, PRC, Movimenti ecc., per discutere liberamente di politica e di Sinistra. Quella che ancora non c’è, ma di cui si sente urgente bisogno.”

Il futuro della lista

Un contributo di Massimo Garritano al dibattito sul futuro politico dell’esperienza della lista L’Altra Europa con Tsipras. IL FUTURO DELLA LISTA: non credo dobbiamo cominciare a muoversi subito “come partito”. Abbiamo davanti un periodo in cui potremo approfondire la nostra proposta senza essere schiacciati dall’immediato. Meglio far crescere con cura il coordinamento attraverso incontri territoriali […]

Non sciogliamo i comitati per Tsipras, costruiamo la Sinistra unita

Appello per la Sinistra Unita su EsseBlog.it

Questo è il tempo.

Il compito della Sinistra italiana è costruire, ora, un nuovo progetto costituente.

Il risultato della lista dell’Altra Europa dice che esiste uno spazio vero per una sinistra moderna, europea, rinnovata, unita e forte. Non minoritaria, non residuale e non nostalgica, alternativa al Partito democratico e alle larghe intese promosse in questi anni. Alternativo e, allo stesso tempo, capace di proporre un proprio programma di governo e di cambiamento: radicale e di governo, come ci insegnano tutte le esperienze della sinistra alternativa nel campo europeo.

Continua a leggere

Barbara Spinelli e Moni Ovadia nel Parlamento Europeo! (almeno per un po’)

Intervento di Luca D’Innocenti per EsseBlog.it Missione compiuta! La Sinistra italiana è tornata! La “sinistra-sinistra” finalmente ha espresso di nuovo una propria rappresentanza: tre seggi al Parlamento Europeo. Non ancora una rivoluzione ma una indicazione importante: noi ci siamo! Chi si sente di sinistra e negli ultimi tempi ha espresso voti di protesta, o si […]